Lavorare in team e in ottica cliente nel servizio fotografico di branding

21 Novembre 2019

L’importanza di lavorare in team e in ottica cliente quando realizzo un servizio fotografico di branding. Ti racconto una mia esperienza e come opero.

Le mie dirette su Instagram sono diventate d’ispirazione per questi blog post. Dovrebbe essere il contrario, ma la velocità del video è diversa dalla scrittura così in questa sede riporto un summa degli argomenti trattati altrove, oppure un  argomento di rilevanza. Perciò questo post sull’importanza di lavorare in team e in ottica cliente prende spunto da un mio video IG dello scorso 15 ottobre (sì, è tutto registrato e catalogato sul bullett journal), ma è tornato in auge proprio in questi giorni che è andato on line il sito (bellissimo) di Marta Giavarini, consulente di business.

LAVORARE IN TEAM

Parto dall’inizio. Alcuni anni or sono mi ha contattata una professionista del settore viaggi per realizzare i ritratti da utilizzare sul suo sito. Le erano piaciute le foto scattate un’altra donna, con un fondo nero e abiti scuri, da cui emergeva solo il volto. Mi sono fidata della sua assoluta convinzione, ho allestito il set e ho scattato. Alla fine però quelle fotografie non erano adatte al sito che era invece molto chiaro, arioso, da loft newyorkese per intenderci.

Seppur cerchi sempre di lavorare in sinergia con il web designer, quella volta ho peccato in superficialità e ho sbagliato. Ne ho fatto tesoro e da quel momento non c’è stata volta in cui non mi sia confrontata con gli altri professionisti coinvolti. Chiedo di poter vedere il template, di conoscere la palette di colori, di essere informata sullo spirito generale e lo stile del sito, di sapere le sezioni in cui è strutturato, di conoscere dove saranno collocate le fotografie per dare loro il giusto taglio anche in ottica mobile friendly.

LAVORARE IN OTTICA CLIENTE

Lo faccio con cognizione di causa. Per me è un investimento di tempo, ma la cliente sta facendo un investimento più grosso del mio, non solo in termini economici. La professionista che decide di realizzare il proprio sito web, o comunque necessita di fotografie di branding, desidera soprattutto vedersi rappresentata e raccontata, con un’immagine e un’identità diversa dai propri colleghi/competitor; nutre delle speranze, ha delle aspettative per il futuro. In questa visione a più ampio raggio, il mio investimento di tempo è funzionale al risultato finale.

Mi pare perciò il minimo prendere a cuore il progetto in gestazione della professionista che si affida a me per il servizio fotografico, cercare di aiutarla, consigliarla, metterla nella condizione di essere soddisfatta del risultato finale, sollevandola anche da aspetti tecnici che non è neppure tenuta a gestire.

Da una leggerezza ho consolidato una grande lezione e affinato il mio modus operandi. Ne sono soddisfatta e i feedback che ricevo sono positivi. Superata la delusione, mi faccio una ragione degli errori perché il vero progredire come professionista sta anche in quei momenti. Allora dimmi: qual è stato il tuo errore he infine è diventato un insegnamento?

Newsletter

Iscriviti alla newsletter dove scrivo di comunicazione, storytelling e fotografia. Raccontando e fornendo spunti, sempre come una bella chiacchierata.

Newsletter

Ogni due mesi invio la newsletter dove scrivo di comunicazione, storytelling e fotografia. Raccontando e fornendo spunti, sempre come una bella chiacchierata.

Condividi articolo

Post correlati

Barbara Oggero

Barbara Oggero

Aiuto le attività imprenditoriali a comunicare e raccontarsi. I miei interessi e le competenze professionali sono evolute nel tempo ricoprendo ruoli professionali diversi che mi hanno portata a essere Consulente di Comunicazione e Immagine. Leggi di più

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.